Imparare a comunicare come gli alberi

Secondo lo studio della Swedish University of Agricultural Sciences pubblicato dalla rivista “ Plos One”, gli alberi sono capaci di comunicare attraverso una vera e propria rete sotterranea, capace di individuare i segnali di natura chimica utilizzati per lo scambio di informazioni.

Gli stimoli tattili sono un mezzo di comunicazione anche nel mondo vegetale (gli alberi non crescono più lateralmente se incrociano rami dei vicini) e lo studio della composizione chimica del terreno è stato utile per comprendere il lento scambio (sia internamente, sia con i vicini) di messaggi di natura chimica presente nel sottosuolo.

forest-868715__340

Da sempre seguo il ciclo della mia vita come gli alberi.

Nostalgica in autunno. Del sole, dello scirocco, della luce, delle serate con gli amici di cui mi sono innaffiata e dissetata guardando le stelle, ballando un lento tra le braccia di un nuovo amore.

Pigrissima in inverno che attendo passare sorseggiando cioccolate calde sotto un soffice piumino.

Frizzante in primavera. Ansiosa di scoprirmi sotto la brezza e la natura che rinasce rigogliosa.

Esplosiva in estate, succosa come un frutto maturo e dolce, impossibile da tenere ferma al rametto, capace di precipitare in mille momenti di euforia inaspettati.

Ma in estate, quando si esce di piu’, si capisce quanto stiamo perdendo il tempo di guardarci negli occhi.

Tornerei volentieri indietro quando la mia vita era divisa in quadrimestri. Il tempo era garantito e gratuito, caricata a molla il primo giorno di scuola ancora inebriata dal profumo dell’aria piena di sale, degli oleandri, dentro e fuori dai suoni e dalla vita.

hands-437968__340

La verità è che stare insieme è difficilissimo.

Provate a passare una serata in compagnia senza prendere il cellulare un attimo. In tempi sdrucciolevoli, chi è ancora “vecchio stampo”, chi crede nelle sorprese inaspettate, di una dolce buonanotte senza emoticon, si scontra con i nuovi narcisi dipendenti da Instagram che collezionano conquiste come figurine e nuove tinderine che si convincono che in fondo la solitudine forzata si superi trovando l’uomo giusto, scegliendolo come in una vetrina di Amsterdam. 

Internet e i social hanno cambiato tutto.

Il modo di incontrarsi, conoscersi, innamorarsi, tradirsi, ritrovarsi.

Ma questa libertà ha come contraltare la mancanza di fondersi con l’altro. Senza concedersi il lusso di investire il proprio tempo per conoscersi, senza un abbraccio vero. Come possiamo pensare che la magia di una lettera possa essere sostituita da qualche frase sgrammaticata scritta in una chat?

mariposa-2382022__340

Per fortuna non è tutto cosi’.

C’è chi ancora ha il piacere si trascorrere serate intere al telefono tra sospiri, frasi romantiche e complicità. Chi durante una cena non stacca gli occhi dai tuoi, pieno di uno spavaldo ottimismo.

L’empatia non si costruisce con l’emoticon, barricati in casa davanti ad uno smartphone, ma uscendo fuori, al sole.

Lo sguardo fisso e assuefatto da una luce blu artificiale non si abitua facilmente a guardare verso le nuvole. Incontrare lo sguardo di uno sconosciuto e sorridere. E’ un’attitudine che stiamo perdendo, precipitati nelle app.

Ci spiegano che il mondo è tutto li’.

Il tempo di una chiacchierata al telefono, senza pause tipiche da wolki tolki a cui ci ha abituato What’s App, è un lusso ormai considerato vintage. 

heart-700141__340

Cosa è il cambiamento nella comunicazione? Come possiamo riprendere in mano il tempo, toccarlo, esplorarlo e condividerlo?

I dati ci indicano che la comunicazione digitale è sempre piu’ fluida, declinata in mille varianti, ma siamo sempre piu’ soli.

Settembre per molti è come gennaio. Si inizia un nuovo anno.

Ecco perchè noi della Menta Piperita vi auguriamo di incontrare quanta piu’ gente possibile. Di viaggiare, innamorarvi, crescere, imparare ad accogliere cio’ che è diverso.

Cambiate idea, ricambiatela nel giro di poco. Sbagliate, stupitevi della bellezza della natura e ridete. Tanto.

Perchè ridendo si impara a vivere.

Un’attitudine meno facile di quello che sembra.

In tempi di sogni friabili, la comunicazione vera è l’unico bene rifugio su cui valga la pena veramente investire.

Articolo: Dr.ssa Stefania Mangiapane

Foto: Pixabay.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...