Economia circolare non è più utopia. Parte il primo impianto in Alto Adige

A Bolzano, in Alta Val d’Isarco, vi è una realtà imprenditoriale ecosostenibile e innovativa.

Il turismo è una risorsa importante ed egregiamente gestita.

L’abilità di attrarre visitatori, però deve coesistere con una crescente occupazione di terreno per insediamenti industriali e abitativi e una inevitabile riduzione dell’area destinata all’agricoltura e all’allevamento.

Anche il settore agroalimentare è una caratteristica del territorio, famosa per la produzione di latte di alta qualità. Ne consegue che l’ aumento dei reflui zootecnici , non più gestibile a causa della ridotta disponibilità di terreni, contrasta con i canoni dettati dalle Direttive europee.

Ecco che la Biogas Wipptal Srl, costituita da 63 allevatori dell’Alta Val di Isarco ha escogitato una soluzione ad alto rendimento che permettesse di evitare di sopprimere le unità di bestiame in esubero.

 Si tratta di una centrale per la digestione anaerobica di letame e liquame, al fine di  produrre energia e riscaldamento. Ma non solo.

Si produce il cosiddetto “digestato”: concime naturale di alta qualità, prodotto dal residuo del processo di digestione anaerobica.

Completamente naturale e privo di odore, che può essere utilizzato sulle colture vinicole e sui frutteti.

Un impianto unico in Europa, inserito tra i pochi progetti italiani che beneficiano degli incentivi europei LIFE+ (finanziamenti concessi per la creazione di impianti innovativi sotto il profilo di tutela ambientale).

Un esempio di come l’unione dalle esigenze congiunturali può nascere una business idea geniale, riconosciuta anche a livello internazionale.

La Germania, rappresentata dal ministero dell’Ambiente tedesco e dall’Agenzia ambientale federale, ha scelto la Biogas Wipptal per un progetto di ricerca e sviluppo internazionale.

Anche sotto il punto di vista finanziario, l’impianto è assolutamente efficiente.

Molti studi, anche a livello europeo, hanno affermato che i maggiori benefici, anche in termini di miglior rapporto costi-servizi, sono ottenibili attraverso una efficace gestione degli effluenti zootecnici.

Articolo: Dr.ssa Stefania Mangiapane

Foto: https://www.google.it/url?sa=i&rct=j&q=&esrc=s&source=images&cd=&ved=0ahUKEwiQ7NzkxfbPAhVGbhQKHUC9C7QQjhwIBQ&url=http%3A%2F%2Fwww.alisrl.it%2Feconomia-circolare-il-pacchetto-europeo%2F&psig=AFQjCNEhV5RFyqD-lWKpWDA-Um1wu91bcA&ust=1477505127843157

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...