GranoSalus: lotta per un’agricoltura sana e consumatori informati

La famosa “dieta mediterranea” per la presenza massiccia di glifosato e altri pesticidi nei cereali, rischia di diventare un pericoloso boomerang per la salute anziché la via per il benessere, a meno che non sia basata su alimenti coltivati con il metodo biologico.

Così i produttori di grano duro della Sicilia, della Puglia e della Basilicata hanno organizzato l’associazione  GranoSalus con lo scopo di diffondere via web i test chimici sui prodotti della filiera del grano ed evidenziare la differenza tra il grano da loro prodotto e quello che le multinazionali cerealicole esportano con facilità a prezzi bassissimi (Chicago Board of Trade) contaminati da pericolosi erbicidi e insetticidi che i consumatori ingeriscono con la pasta, il pane e le mille merendine che acquistano nei centri della grande distribuzione.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha classificato come “possibili” cancerogeni ” gli insetticidi Tetraclorvinfos e Parathion, già banditi in molti paesi, nonché il glifosato, l’erbicida più usato al mondo in campo agricolo che, secondo uno studio effettuato dai ricercatori Anthony Samsel e Stephanie Seneff del Massachusetts Institute of Technology (Mit), può provocare diabete, obesità, asma, morbo di Alzheimer, sclerosi laterale amiotrofica (Sla), e il morbo di Parkinson: Quando una cellula sta cercando di formare le proteine, può afferrare il glifosato invece della glicina e formare una proteina danneggiata. Dopo di che è il caos medico. Dove il glifosato sostituisce la glicina, la cellula non può più comportarsi come al solito, provocando conseguenze imprevedibili con molte malattie e disturbi conseguenti”.

Natural Society ha riportato che “. . . linfociti e organi interni indicano che le cellule epiteliali sono più suscettibili alla citotossicità e danneggiano il DNA, è la proprietà degli erbicidi. Dal momento che abbiamo trovato effetti genotossici dopo breve esposizione a concentrazioni che corrispondono a una diluizione 450 volte le irrorazione utilizzate in agricoltura, i nostri risultati indicano che l’inalazione può causare danni al DNA degli individui esposti. “

In un altro studio ha provato che ci vogliono solo 57 parti per milione di glifosato per distruggere completamente le cellule renali umane e le soglie di questi erbicidi nei prodotti agricoli sono maggiori di 200 volte questo pericoloso valore.

Anche il ministero dell’agricoltura danese ha sostenuto uno studio con la Aarhus University sulle caratteristiche del funzionamento al suolo di questo erbicida ed ha dimostrato che  il glifosato sconvolge l’equilibrio naturale dei batteri “buoni” nell’intestino con conseguenti focolai di infezioni di Clostridium botulinum nei bovini e  infezioni di botulismo aumentati gravemente, poiché un intestino debilitato favorisce la crescita di malattie infettive.

Dott.ssa Agr. Brigida Spataro

FOTO: https://casadelleagriculture.wordpress.com/2014/12/26/lo-spirito-del-grano-3-edizione/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...